Disturbi Relazionali

Crisi di Coppia e Familiari

Quando nelle nostre relazioni significative emergono problemi comunicativi, conflittualità, rancori e sofferenza il benessere individuale è fortemente compromesso. Le relazioni familiari si compongono di delicati equilibri e le fasi di cambiamento possono portare a sperimentare delle difficoltà.

Chiamatelo clan, chiamatela rete sociale, chiamatela tribù, chiamatela famiglia. Comunque la chiamiate, chiunque siate, ne avete bisogno.

(Jane Howard)

L’individuo vive una costante trasformazione, fisica, psicologica e relazionale, durante il suo ciclo di vita. Anche la famiglia segue un percorso evolutivo che si struttura in una successione di fasi di sviluppo.

Ciclo di vita della famiglia

Le principali fasi del ciclo di vita dell’individuo e della famiglia possono essere riassunte così:

  • il giovane adulto
  • la formazione della coppia;
  • dalla coppia alla famiglia;
  • bambini piccoli;
  • figli adolescenti;
  • figli adulti;
  • la famiglia anziana;
  • la famiglia separata;

Ad ogni stadio sono associati specifiche problematiche e obbiettivi di sviluppo, che gli individui devono affrontare per poter giungere in maniera completa alla fase successiva.

Inoltre, il ciclo di vita di una famiglia è scandito da vari eventi, come ad esempio lutti, separazioni, nascite, trasferimenti, che generano inevitabili cambiamenti nella struttura e nell’organizzazione della famiglia.

Blocchi evolutivi

Può succedere, quindi che avvenga un blocco nel percorso evolutivo della famiglia o addirittura un’involuzione perché:

  1. pur essendo giunte ad una specifica tappa evolutiva, i compiti di quella precedente non sono stati completati adeguatamente, ad esempio antichi conflitti con la famiglia di origine. I disturbi psichici spesso si generano proprio a causa di una sfasatura temporale tra ciò che è richiesto dalla fase di vita attuale e ciò che è rimasto irrisolto nella tappa precedente.
  2. gli eventi hanno creato una crisi nel sistema che non si è stati capaci di trasformare in cambiamenti positivi, ad esempio genitori che non riescono a riconoscere che il figlio sia cresciuto e, nonostante sia già un adolescente, continuano a relazionarsi a lui come quando era un bambino piccolo.
  3. un’insufficiente flessibilità nelle relazioni può generare difficoltà evolutive, anche gravi, quando i membri di una famiglia tendono ad applicare a problematiche differenti sempre gli stessi comportamenti nonostante si dimostrino inutili e non risolutivi.

Psicoterapia familiare

Nei casi di blocco evolutivo della famiglia, la psicoterapia familiare si configura come lo strumento d’eccezione.
La psicoterapia, infatti, può aiutare i membri del gruppo familiare a modificare i propri ruoli, funzioni, a trovare nuove modalità relazionali, rinegoziare il rapporto di dipendenza e autonomia, e ad individuare modalità più flessibili e funzionali per risolvere i problemi.
La psicoterapia familiare può aiutare la famiglia a ritrovare lo slancio per proseguire con il suo normale ciclo di vita.


Coppia

Anche la Coppia ha un suo ciclo vitale, nasce e si evolve nel tempo e considerando che i singoli partner nella loro vita cambiano anche la coppia deve trovare nuovi equilibri.

Può capitare che i partner sentano il legame come insoddisfacente e limitante, non basato su una comprensione reciproca, nel quale siano poste richieste non tollerabili.

Capita che ci si ritrovi in una situazione di “stallo” in cui i partner si accontentano di restare in una dinamica insoddisfacente senza riuscire a trovare strategie per ristrutturare diversamente gli equilibri.

La comunicazione e l’interazione possono diventare frustranti e disfunzionali.

L’aiuto dello psicologo psicoterapeuta può strutturarsi come determinante per analizzare le richieste dei partner in maniera approfondita ed evidenziare con maggiore chiarezza i bisogni della coppia.

Può aiutare a sperimentare nuovi modi per relazionarsi e per ascoltare l’altro nonché supportare l’espressione più funzionale delle proprie emozioni.